Società sportive: pronti 300mila euro

Da 15mila a 35mila euro ciascuna: è una boccata di ossigeno importante quella che Milan e Inter daranno ai bilanci di diciotto associazioni sportive che operano in città. In gioco c’era un’ammontare di circa 270mila euro, quanto le squadre - secondo una convenzione siglata col Comune - devono corrispondere all’amministrazione invece dell’incasso di una partita di beneficenza che, a partire dal 2002, hanno preferito convertire nel forfait annuale. Palazzo Marino mesi fa ha pensato di devolvere il contributo a sostegno delle associazioni sportive locali, che operano prevalentemente a favore dei giovani, e ha invitato ciascuna zona a segnalare gli enti più meritevoli o in maggior difficoltà economica. Ora, finalmente, la lista definitiva è pronta, e verrà approvata nei prossimi giorni dalla Commissione sport del Comune. A ricevere direttamente da Milan e Inter il «premio» - che si tradurrà a seconda dei casi in spogliatoi, docce nuove, impianti di illuminazione a norma - saranno una o due associazioni per ogni zona: l’oratorio San Marco e San Vittore nella 1 (10mila euro ciascuno), l’oratorio San Crisostomo e la società Villa in zona 2 (15mila euro), Al.Go e Cus nella 3( 15mila euro), l’associazione Ausonia (15mila) e Rogoredo (20mila) nella 4; Forza e Coraggio otterrà da sola 35mila euro per la zona 5, idem per Iris nella 6. Olmi e Valsesia hanno «vinto» la partita in zona 7 (15mila), Idea Sport di zona 8 avrà 30mila euro. Il Comune ha poi scelto di aggiungere un proprio contributo per arrivare ad un «pacchetto» totale di 300mila euro, che consentirà così di ristrutturare anche due impianti particolarmente bisognosi in zona 9: il campo sportivo Samuele (20mila euro) e la Bocciofila XXV Aprile (25mila). «È una novità assoluta - spiega il presidente della Commissione sport Alan Rizzi (Forza Italia), che ha lavorato al progetto insieme all’assessore allo Sport Aldo Brandirali -, l’atto finale di una battaglia che portiamo avanti da tempo a favore delle associazioni sportive che svolgono un’opera sociale impagabile sul territorio e vengono utilizzate soprattutto da bambini e ragazzi, il nostro futuro. Vorrei confortare quelle che non sono state scelte questa volta, assicurando loro che il contributo verrà rinnovato ogni anno».