Il sociologo Nair «L’arcivescovo di Milano merita il Nobel»

Tettamanzi candidato al Nobel per le sue posizioni sull’immigrazione. Per il sociologo francese Sami Nair, la presa di posizione dell’arcivescovo di Milano Dionigi Tettamanzi, in materia di tutela degli immigrati, è «storica» e «meritevole del Nobel». Per Nair, che ieri ha presentato, a Madrid, la sua ultima opera, «L’Europa meticcia. Immigrazione, cittadinanza, cosviluppo», quella del cardinale Tettamanzi è stata «l’unica voce che si è levata contro la Lega Nord» e ha supplito a una funzione di mediazione «svolta negli anni Sessanta dai partiti comunista e socialista in Italia e in Francia a favore dell’integrazione dell’immigrazione nelle società».