Soffre Media Partners, vola Eros Ramazzotti

Nell’Adidas Cup, il maxitorneo di calcio a 7 che ogni giovedì va in scena sui campi in erba sintetica del centro Masseroni Marchese, non perdono un colpo le prime tre in classifica. Media Partners, unica squadra ancora imbattuta, suda le classiche sette camicie per avere ragione del Giornale; Radiorama, con lo scatenato Eros Ramazzotti (2 le sue reti, poker di Savi e gol di Gencarelli) spegne le ambizioni dello Studio Izzi, malgrado le segnature di un altrettanto scatenato Daniele Massaro (2) e Izzi. Fatica più del previsto la corazzata Epicas che supera 4-2 Banca Mediolanum con doppietta di Evani, gol di Vierchowod e di quel Mauro Tavola regista onnipresente e decisivo anche nell’andare a rete.
Risalgono i Citizens of Humanity, 8-3 a Movitalia con Benoit Cauet (3 reti) in grande evidenza. Sorpresa invece tra Atahotels e Sky Sport, con i televisivi che, grazie ai gol di “Tarzan” Annoni, Limetti e Pessoz, riescono a bloccare sul 3-3 i bianchi di Paolo Ligresti a segno con Stroppa (2) e Latorre. Pareggio spettacolare 5-5 tra Il maestro di Casa e Impossible is nothing. Ma la grande impresa è stata sfiorata dai “magnifici sette” del Giornale perché i gialli di via Negri si sono presentati contati senza ben sette infortunati (Grosselli, Occhipinti, Lastella, Fusco, Ruzzo, Tedoldi, Migliore) e col cuore e la grinta hanno messo in seria difficoltà la capolista.
Sotto gli occhi attenti e severi del presidente Paolo Berlusconi (giovedì sera s’è fatto vedere anche l’ad rossonero Adriano Galliani), è andato in scena lo show di Cristiano Pavone, rientrato nel Giornale, con 2 gol e una serie di azioni strappa applausi. La maggiore esperienza di Media Partners a segno con Crippa (2), Santarossa (2) e l’ex doriano Attilio Lombardo, ha fatto la differenza, ma il Giornale non ha niente da rimproverarsi perché il portiere Mutinelli, capitan Manzoni (autore del terzo gol), Mustapha, l’incredibile Rossi in difesa il guerriero Lupone e un Billy Berlusconi in gran spolvero (suo il palo che sul 3-2 poteva portare al pareggio), hanno buttato in campo cuore e anima.