Soffrono gli immobiliari

Piazza Affari chiude con il segno più per la quinta seduta consecutiva, con l’indice Mibtel in rialzo dello 0,29%, lo S&P/Mib dello 0,30% mentre l’All Stars ha guadagnato lo 0,44%. In calo gli scambi, pari a circa 4,8 miliardi di controvalore. Telecom si risveglia dal torpore e riagguanta dopo un mese quota 2 euro (+2,06%). Male Alitalia (-1,50%) a causa di prese di beneficio e Fiat (-0,80%), tra scambi di poco superiori al 4% del capitale ordinario. Riflettori puntati su Unipol (+2,99%) dopo la smentita di contatti con Bpm per un’aggregazione. Seduta tranquilla per i bancari con Capitalia (+0,49%), Unicredit (+0,32%) e Intesa Sanpaolo (+0,25%) mentre vola Bper (+3,19%). Buono spunto di Aem (+0,98%) che trascina Asm (+0,92%). Tra gli energetici qualche progresso per Eni (+0,53%) ed Enel (+0,28%). Soffrono i gruppi immobiliari con Risanamento in calo del 4,52% e Beni Stabili del 4,10 per cento.