Sogemi: conflitto d’interessi lascia il consigliere Besostri

Resta fermo in commissione a Palazzo Marino per ora il nuovo piano di riqualificazione di Sogemi, approvato dalla giunta a dicembre. Nessun via libera ieri per la delibera presentata dall’assessore al Commercio Franco D’Alfonso, assente alla seduta congiunta della Commissioni. Dovrebbe arrivare in aula entro il 19, lo stesso presidente di Sogemi Prredeval ha sollecitato ii via libera perchìè il degrado «non è più sopportabile». Ma fondamentale il nodo sul futuro dell’Ortomercato: e la stessa società ha sollevato perplessità sul trasloco sull’area Expo o a Porto di Mare, più probabile la permanenza nella sede attuale. E proprio ieri si è dimesso dal cda di Sogemi Felice Besostri, recentemente nominato dal sindaco Giuliano Pisapia. Il passo indietro era stato chiesto a dicembre dall’opposizione di Palazzo Marino, dopo che erano stati resi noti i verbali della prima assemblea con il nuovo board: in questa, Besostri chiedeva di essere escluso da discussioni e votazioni riguardanti alcune società che lavorano all’Ortomercato in cui alcuni suoi familiari e parenti hanno partecipazioni. Pdl e Lega avevano protestato per il conflitto di interesse e chiesto un passo indietro. Formalizzato però dal Pd, e accettato dall’ex senatore socialista.