Sogni e speranze di un presidente

Enrico Preziosi e il Genoa, strofiniamo insieme la lampada dei desideri. Sogni, speranze, obiettivi. Passato, presente, futuro. Raccontiamo il 2006 e studiamo il 2007. Una domanda dopo l'altra. La promozione dalla C, la cadetteria è quella curva che non finisce più: facciamo veloci che c'è un'autostrada che ci aspetta, la serie A è una voglia matta. E dopo ci sarebbe un arcobaleno rossoblu da godersi dietro quella collina che lentamente scompare. Andiamo in serie A e sarà subito un Genoa competitivo, spiega Preziosi. Che vuol dire, il Grifone potrà volare in alto, sempre più alto. Vicino alle grandi, grandissime. Prima bisogna scalare quella montagna che si chiama serie B. Nessuno può garantire, lui garantisce questo: rinforzeremo il Genoa. Mariano Hugo Pavone, bomber dell' Estudiantes: tutti lo vogliono, ma il Grifone può acquistarlo prima di tutti. E sarebbe bellissimo lui e Figueroa. Confida che vorrebbe vedere Criscito ancora un anno in maglia rossoblu («Non sarà facile, ma ci proveremo»), elogia Gasperini, gli sarebbe piaciuto Spinesi ma le strade del mercato sono infinite. E' pronto a discutere sullo stadio di Marassi, nessun problema ad approfondire la questione.
Enrico Preziosi e il suo Genoa: ieri, oggi e domani. Il 2007 lo vorrebbe così, scopriamolo insieme.