Il sogno di Igor da Meda ai Giochi

Igor Cassina, classe 1977, vive e si allena a Meda, da sempre, nella stessa palestra di via Udine con gli altri talenti della Nazionale, Matteo Angioletti, Andrea Coppolino, Matteo Morandi che insieme ad Alberto Busnari ed Enrico Pozzo partiranno il 25 luglio per Pechino, guidati da Maurizio Allievi. Non è fidanzato anche se «l’amore c’era e dopo Pechino magari lo riconquisto». Cassina ha vinto l’oro olimpico alla sbarra il 23 agosto 2004 ad Atene, primo italiano a riuscirci dopo l’argento di Romeo Neri nel 1928. Dal 2001 un movimento della ginnastica porta il suo nome: «salto teso con avvitamento a 360° sull’asse longitudinale». A Pechino lo riproporrà insieme ad una nuova combinazione: giro adler alla verticale con un giro, più un salto Voronin. In due minuti si giocherà la medaglia con il tedesco Ambuchen, il greco Maras e il cinese Zou Kai. Il prossimo anno gli azzurri avranno una palestra nuova a Meda, perché Igor non lascerebbe mai il suo paese, se non per andare a funghi anche se, da buon «fungiatt» i suoi luoghi sono top secret.