Da sogno a realtà: mai più bimbi sordi

«Mai più bambini sordi». Un sogno, un auspicio, ma anche un progetto concreto che attraverso la ricerca e i monitoraggi, l’associazione «Lions» sta portando avanti con tenacia e convinzione. Domani si terrà un incontro multidisciplinare al teatro della Gioventù in via Cesarea con relatori e moderatori provenienti da tutta Italia e la partecipazione prevista di circa 80 medici e quaranta logopedisti. Una giornata intensa che inizia alle 8 e 30 e prosegue fino al pomeriggio inoltrato dopo aver trattato temi importanti come la fisioterapia dell’orecchio, le cause genetiche delle sordità e le diagnostiche strumentali delle ipoacusie nel bambino. Ma il convegno concentrata l’attenzione anche sugli aspetti psicologici e neuropsichiatrici legati a un’eventuale sordità nell’età infantile e all’accoglimento del bambino al protocollo abilitativo e riabilitativo proposto nel progetto Lions. Tutta l’iniziativa, infatti, ruota intorno alla volontà concreta di porre rimedio al problema della sordità infantile.
Si parlerà non solo delle situazioni protesiche come apparecchi acustici, impianti cocleari, protesi impiantabili, ma anche di prevenzione o meglio di una diagnostica precoce che possa favorire la cura dei bambini con problemi di udito. Fondamentale in quest’ottica è il monitoraggio dei bambini nell’età che va da zero a tre anni perché proprio in questo periodo della crescita possono sorgere alcune forme di ipoacusia. Ragione per cui il progetto Lions prevede un’integrazione con il progetto «Stern Liguria» finalizzato a effettuare screening neonatali in tutti i centri nascita della Liguria. Screening che dovrebbero essere ripetuti nell’età preverbale o periverbale del bambino, ossia come detto, entro i trentasei mesi dalla nascita. In concomitanza del congresso vi saranno tre giornate in cui questi controlli per i bambini saranno gratuiti all’interno di diverse strutture pubbliche e private genovesi (per maggiori informazioni, occorre visitare il sito www.maipiubambinisordi.org).
L’associazione Lions non si ferma qui. In particolare il Lions club di Pegli ha in programma altre iniziative. Sempre al teatro della Gioventù, mercoledì 10, alle 20 e 30, è prevista la rassegna delle scuole di danza liguri intitolata: «La città della danza». L’intero incasso dello spettacolo - offerta: dieci euro - sarà devoluto alla fondazione «banca degli occhi Melvin Jones».