Un sogno sotto le stelle da Genova al Giappone

«A.A.A. Cercasi, causa crollo, nuovo sogno esistenziale». È il messaggio, scritto da una donna genovese, che ha vinto il premio per il cartiglio o messaggio d’amore più bello e particolare, scritto per il concorso lanciato a Genova in occasione di Tanabata o Festa delle Stelle. Tanabata viene celebrata ogni anno in Giappone.
Bambini e adulti esprimono i loro desideri, scrivendoli su strisce di carta colorata che vengono appese con altre decorazioni in carta e stoffa a delle canne di bambù, poste all' ingresso delle case o dei giardini. Palazzo Ducale, proseguendo nelle iniziative per la rassegna «Giappone, l' Arte del Mutamento», ha proposto ai visitatori questa antica tradizione giapponese.
In numerosi hanno risposto all' invito del concorso. Circa 250 cartigli sono stati appositamente appesi nell' atrio del palazzo. Alla vincitrice del premio sono andati quattro volumi, cataloghi della rassegna giapponese, che le sono stati consegnati da Pietro Da Passano direttore di Palazzo Ducale.
Non è stato invece possibile premiare il piccolo Eduard, giovane visitatore di Lione, che in ricordo della sua presenza a Genova ha lasciato questo pensiero: «Je veux toute ma vie», «voglio tutta la mia vita». Palazzo Ducale gli farà recapitare in Francia dei quaderni stile «Japan».