«Soldato a veli» letto alla Fnac

Oggi alle 18 alla FNAC di via Torino lo scrittore Ugo Ronfani presenta «Soldato a veli. Romanzo in teatro» l’ultima fatica di Cesare Vergati per i tipi di ExCogita Editore. Oltre all'autore saranno presenti l’attore Alessandro Quasimodo che leggerà alcuni capitoli del testo, Ugo Ronfani e l’editrice Luciana Bianciardi. Il libro, che esce due anni dopo «A sorpresa», che è appena stato tradotto in russo, conferma l’appartenenza dell’autore alla narrativa sperimentale. Forti i richiami all’estremismo esistenziale di Buchner, Kafka, Artaud e Boris Vian per le atmosfere surreali e visionarie che percorrono tutto il romanzo. Protagonista un soldato che procede alla ventura in un campo di battaglia metaforico, paradossalmente in cerca di un ordine di pace globale. Una parabola, nel senso di racconto allegorico, dove a dominare è l’elemento autobiografico: «A sorpresa» e «Soldati a velo» propongono due personaggi contrapposti che confluiranno in un terzo romanzo che completerà la «Trilogia dell’eco». Solo così si potranno cogliere pienamente gli aspetti complessivi delle tre opere, in quella necessaria unità di stile, di scrittura e di temi, rappresentata dall’eroe, un adolescente che porta in sé gli archetipi dei primi due protagonisti. La narrazione, dalla forte impronta psicologica, si snocciola attraverso i 25 capitoli con la tecnica del dialogo interiore, tanto da spingere Ugo Ronfani a definire «Soldato a veli», un rêve éveillé. Sono, infatti, le ripetizioni, le iterazioni, le assonanze idiomatiche, gli incastri grammaticali e sintattici a facilitare la fluidità narrativa, con le sorprese, le accumulazioni di senso, i corti circuiti logici che caratterizzano scritture à la Joyce come questa.