Soldi a chi butta la moto e prende la bici

Incentivi per la riconversione a Gpl dei veicoli commerciali e per la rottamazione dei motocicli euro zero da sostituire con biciclette e, in un secondo momento, per la trasformazione in impianti a metano delle caldaie centralizzate: sono alcune delle iniziative della campagna «È ora di cambiare aria», promossa dal Comune in collaborazione con l’Aci e finanziata dalla Regione. Lo stanziamento previsto è di 650mila euro per i mezzi di trasporto e di circa un milione per gli impianti di riscaldamento. Dei circa 650mila euro, 150 sono destinati all’acquisto di filtri antiparticolato per i 64 mezzi Amt più vecchi, 330mila per l’installazione di filtri e la riconversione dei veicoli commerciali euro zero, 35mila per la rottamazione delle due ruote euro zero (solo se sostituite con biciclette, anche a «pedalata assistita»), 80mila per l’acquisto di rilevatori per la qualità dell’aria e dell’inquinamento acustico (con relativo veicolo per i controlli su strada), e 25mila per l’acquisto del pulmino a metano che serve a trasportare i volontari del canile.
Gli incentivi si potranno ottenere presentando all’Aci la documentazione fiscale, il rimborso coprirà fino al 30 per cento della spesa sostenuta, fino a un massimo di 3mila euro. «Si tratta di cinque campi di azione, che vanno dal trasporto pubblico a quello commerciale - spiega l’assessore Francesco Scidone -, fino a quello privato e ai controlli sulle emissioni e sulla correttezza delle revisioni e del rilascio del bollino blu, che hanno come obiettivo il miglioramento della qualità dell’aria». In estate, intanto, sarà pubblicato il bando per accedere agli incentivi per la riconversione a metano degli impianti di riscaldamento: l’operazione coinvolgerà 20 impianti di edifici scolastici e i privati che ne faranno richiesta.