Soldi pignorati, niente stipendi all’Asl

Si annuncia un Natale magro, anzi magrissimo per le migliaia di dipendenti dell’azienda sanitaria provinciale 5 di Reggio Calabria. Lo stipendio di ottobre è slittato a novembre, e dopo, chissà, tocca sperare in un «miracolo» del governatore calabrese Agazio Loiero (nella foto). I soldi sono stati «pignorati» a causa di un duplice e perverso meccanismo contabile, complicato da spiegare ma dall’effetto immediato. «Colpa» del profondo rosso nel quale versano le casse dell’azienda sanitaria e di tutto il comparto regionale, che non ha soldi ma solo debiti, e che non può più nemmeno aprire altre linee di credito senza correre il rischio che anche la nuova liquidità venga pignorata «in automatico».