Soldi pubblici al film tratto da un racconto di Saviano

Milano Il ministero dei Beni culturali finanzierà con un milione e 400mila euro il film Tatanka scatenato, tratto da un racconto di Roberto Saviano. Il film, opera seconda di Giuseppe Gagliardi, che ha esordito con La vera leggenda di Tony Vilar, è liberamente tratto da un racconto di Saviano, che fa parte del suo ultimo libro La bellezza e l’inferno, dedicato ai pugili del Casertano e in particolare al campione del mondo e vicecampione olimpico Clemente Russo detto Tatanka, che sarà anche il protagonista.
La sceneggiatura della pellicola, che si dovrebbe girare nei primi mesi del nuovo anno tra Marcianise, Roma e Berlino dove Russo è maturato come pugile, è stata scritta da Maurizio Braucci, uno degli sceneggiatori di Gomorra di Matteo Garrone, con Massimo Gaudioso, Salvatore Sansone e Stefano Sardo. Le scenografie saranno di Osvaldo Desideri.
La questione del finanziamento pubblico alle produzioni cinematografiche torna periodicamente d’attualità, in virtù delle polemiche che contrappongono il mondo della cultura agli esponenti del governo e della maggioranza. Da una parte qualcuno ha gridato al regime, alla censura eccetera; dall’altro fronte sono arrivate repliche e accuse assai poco urbane. E chissà come reagiranno i cineasti di sinistra alla decisione del governo di finanziare un film tratto da un racconto scritto da un’icona della sinistra stessa.
In attesa di commenti imbarazzati che forse ci verranno risparmiati, sempre in tema di Saviano e dintorni si deve registrare la notizia dell’arresto di Giovanni Venosa, presunto camorrista nonché attore del film Gomorra. Ed è il terzo interprete del film di Garrone a finire in cella. Sul grande schermo Venosa, ammanettato con cinque presunti colleghi di racket, ha interpretato il boss che condanna a morte due ragazzini troppo intraprendenti, mentre nella realtà sarebbe il capo di un’organizzazione che imponeva il «pizzo», anche con le armi, a imprenditori e commercianti. «Più che per il record di incassi - ha commentato il presidente dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri - Gomorra passerà alla storia come un film sfigato. Continuano a fioccare arresti di criminali a suo tempo stoltamente ingaggiati con ruoli da protagonista e poi ritrovati con le mani nel sacco».
Sperando che Tatanka scatenato emuli il successo di Gomorra, ci si augura che la scelta del cast sia più felice.