Il “Sole 24 Ore”: «Scorretto schierarsi così in anticipo»

da Roma

L’endorsement di rito ambrosiano, quello che il Corriere della Sera ha sottoscritto nei confronti di Romano Prodi e del centrosinistra, non fa proseliti in viale Monte Rosa. Anzi, dalla sede de Il Sole 24 Ore giunge un distinguo rispetto alla linea decisa in via Solferino. Nella pagina dei commenti nell’edizione di ieri, difatti, il Sole pubblica un articolo dell’ex direttore Salvatore Carrubba così titolato: «L’endorsement non è l’unica strada: il rispetto per i lettori si può esprimere anche con una chiara neutralità».
Tempi e modi della dichiarazione di simpatia per il centrosinistra, fatta dal direttore del Corriere Paolo Mieli, non convincono l’articolista (ex assessore «tecnico» alla Cultura nella giunta Albertini). È infatti legittimo che il giornale prenda posizione nella battaglia politica, e tuttavia l’endorsement di stampo anglosassone, britannico e americano, spiega Carrubba, «avviene normalmente nell’ultimo giorno o nell’ultima settimana della campagna elettorale, mentre il Corriere l’ha fatto all’inizio». Schierarsi all’inizio della campagna, aggiunge l’articolo del Sole 24 Ore, «significa non seguire la campagna elettorale, bensì indirizzarla; e rischiare di trasformarsi da strumento informativo a protagonista diretto del dibattito politico, da testimone a comprimario». Un rilievo, quello sui tempi dell’endorsement, fatto proprio anche da un politico-giornalista di lunghissimo corso come Emanuele Macaluso: «Uscita legittima quella di Mieli - spiega Macaluso -, ma l’uscita allo scoperto con un mese d’anticipo rispetto alla data del voto, espone il direttore del Corriere al rischio di passare per un soggetto attivo della campagna elettorale».
Il rispetto per i lettori, prosegue l’articolo sul quotidiano economico e finanziario milanese, non necessariamente si estrinseca nella dichiarazione di voto del direttore. «Mantenersi neutrali, come nella tradizione del Sole - conclude Carrubba - è utile per fornire ai lettori-elettori tutti gli elementi perchè, autonomamente, si formino un’opinione e maturino le proprie decisioni».