«Sole» sul listino, via alla gara

nostro inviato a New York

L’anno prossimo ci sarà anche il Sole 24 Ore a New York, nel road show organizzato da Borsa Italiana. Così spera Dante Roscini, country head e amministratore delegato di Morgan Stanley in Italia, anch’egli alla presentazione di questi giorni delle blue chip italiane in Usa.
Per blue chip si intendono le società oltre il miliardo di capitalizzazione. E il Sole ce la dovrebbe fare. Morgan Stanley è l’advisor per il piano industriale del gruppo editoriale e l’incarico si è recentemente esteso anche all’Ipo, sempre con il ruolo di advisor. Per questo Roscini e il suo team da qualche giorno hanno invitato una quindicina di banche per selezionare tra queste uno o due global coordinator che verranno incaricati del collocamento in Borsa. L’esito è atteso entro un mese.
Prima dell’estate Morgan Stanley, insieme con l’amministratore delegato Claudio Calabi, completeranno il piano industriale che dovrà poi passare attraverso una verifica interna all’azionista Confindustria. Così si arriverà in autunno, il periodo individuato dall’advisor per la quotazione, con i dati aggiornati alla prima semestrale.