Solidarietà al giovane aggredito da extracomunitari

Il Movimento Giovani Padani intende esprimere la più sincera solidarietà all'amico Edoardo Gambaretto, vittima di aggressioni gratuite da parte di un gruppo di extra comunitari. Siamo vicini a lui ed alla sua famiglia, ancora di più dopo aver saputo che il tutto è nato per aver appeso un manifesto nella bacheca della Lega Nord di Albisola Superiore. Ancora una volta si è dimostrato come l'integrazione e la tolleranza di alcuni gruppi etnici qui in Italia sia difficoltosa e lontana dal raggiungere standard minimi di civiltà. Edoardo si è dimostrato coraggioso nel battersi per le sue idee indipendentemente dall'essere giuste o sbagliate. È dovere morale di tutti difendere la libertà di espressione nel nostro paese, requisito vitale della nostra democrazia. In questo caso non è stato solo aggredito un ragazzo di 15 anni ma gli è stato impedito di esprimersi, di comunicare, di potere pensare. Questi episodi sono gravi e sono sintomo di una società sofferente in crisi di valori. Mi auguro che presto Edoardo possa continuare ad aiutarci nelle nostre battaglie con più forza ed entusiasmo di prima e che, chi ha commesso questi gesti di violenza, possa meditare e pagare per i gesti compiuti. Sarebbe una vergogna se non venissero puniti, ancora di più se si pensa che sono stati gesti di violenza premeditati. Infine vorrei sottolineare come il problema dell'immigrazione sia un problema serio e che l'attuale legge regionale sull'immigrazione provvederà a complicare. Infatti la Liguria diventerà un «oasi» per tutti gli extra comunitari (diritto di voto amministrativo, sanità gratis, sportelli personali all'interno degli ospedali, rimpatri salme a spese dei liguri); questo non farà altro che aumentare il numero di immigrati presenti sul nostro territorio senza chiedersi se e come si sono integrati quelli che già vi abitano.
Coordinatore Provinciale Giovani Padani

Apprendo che un giovane militante di Fi, è stato aggredito da tre extracomunitari all’esterno della Scuola Media Superiore dove io insegno. Il movente pare sia di natura politica. I miei complimenti ai tre coraggiosi aggressori che hanno dovuto essere in superiorità numerica per poter agire con sicurezza. Questi gravi atti squadristici, non contribuiscono al dialogo e portano ad una accresciuta tensione. Mi spiace molto di non essere stato presente al momento della vile aggressione, nel qual caso avrei aiutato il giovane militante di Fi. Non è mai bello essere picchiati da tre avversari e meno che mai essere pestati per le idee che si professano. Porto il mio sostegno morale al giovane aggredito e mi rendo disponibile a qualsiasi gesto per la difesa delle idee di una brava persona come quella che è stata picchiata.
Roberto Nicolick
Consigliere Provinciale Lega Nord

Il coordinamento nazionale di Forza Italia Giovani esprime solidarietà a Edoardo Gambaretto, il giovane quindicenne di Forza Italia, picchiato a Savona, all’uscita di un liceo, da tre coetanei di nazionalità albanese e marocchina, mentre affiggeva manifesti contro la legge Amato sull’immigrazione. Noi personalmente esprimiamo la più sincera solidarietà ad Edoardo, aggredito per l’unica «colpa» di aver manifestato liberamente le proprie idee. Quello che è successo ieri a Savona è un grave atto di intolleranza civile e di violenza gratuita che condanniamo con fermezza.
Beatrice Lorenzin
Cooordinatore nazionale giovani azzurri
Adriano Baldini
Coordinatore provinciale
Giovani azzurri di Savona