La solidarietà sale sulla giostra

Il Luna Park di Genova inaugura la prima di una serie di iniziative rivolte ai bambini meno fortunati. Perché a Genova, il Luna Park è il centro dei divertimenti mobile più grande d'Europa. Anche nel cuore. Si parte oggi, con una giornata dedicata ai bambini del centro storico. Mercoledì 21, invece, sarà la volta dei bambini diversamente abili assistiti dai vari istituti della città. «Vogliamo che questo spazio possa donare qualche ora di spensieratezza a tutti - spiega Ferdinando Uga, da cinque anni amministratore del Luna Park di piazzale Kennedy - e così, dopo le positive esperienze di solidarietà promosse negli anni passati, quest'anno abbiamo deciso di aumentare le iniziative. Per rendere il Luna Park davvero magico, per tutti».
Un esempio del passato, su tutti. La festa per i nonni. «Quest'anno è stata istituita la festa nazionale per i nonni: bene, noi già da cinque anni, nel nostro Luna Park, dedichiamo un'intera giornata a chi accompagna i nipoti. Donando l'ingresso gratuito. Lo scorso anno, per esempio, la giornata dei nonni al Luna Park è stata il 14 dicembre 2004». Tornando ai giorni nostri, oltre alla giornata per i bambini del centro storico e per i piccoli diversamente abili sono in programma altre iniziative di solidarietà. «Doneremo 35.000 biglietti gratuiti alle persone più disagiate che ci verranno segnalate dal Comune di Genova - continua Uga - e faremo una giornata completamente dedicata agli assistiti dalla Caritas, martedì 3 gennaio 2006».Fra i progetti ancora in via di definizione, anche la volontà di una giornata dedicata alle famiglie dei detenuti. Più alcune sorprese: come l'atterraggio della Befana, il giorno dell'Epifania, direttamente dal cielo e una «notte rosa», con biglietti gratis per le donne e tanti spettacoli di musica e animazione.