Soliti ignoti all’opera Spariti orologi preziosi per 400mila euro

Il colpo a casa di un professionista in piazza della Repubblica. Gioielli per 20mila euro trafugati da un’altra abitazione in via Pagano

Paola Fucilieri

I ponti festivi in città sono da sempre periodi fatali ai vacanzieri e, com’è ovvio per contro, estremamente propizi ai topi d’appartamento. Che, quest’anno, però, hanno cominciato a darci dentro con i furti in casa in città, con un certo anticipo sulle festività di Ognissanti. Praticamente già da giovedì sera. Quando hanno razziato circa 100mila euro in un’abitazione di via Marangoni. Messo a segno, peraltro, ai danni di una coppia che non era partita per il fine settimana ma, semplicemente, era uscita a cena (ma senza però inserire l’allarme). E che adesso si ritrova con un Patek Philippe da 40mila euro in meno.
Ieri mattina altre due brutte sorprese. Anche in questi casi, niente allarme inserito e sicuramente qualche soffiata visto la particolarità di certi dettagli.
Un importo che fa clamore - e sempre a causa di orologi - è sicuramente quello del bottino del colpo portato a segno nella notte tra sabato e domenica in un appartamento al decimo piano di un palazzo di piazza della Repubblica. Uno stabile dove ci sono abitazioni private, ma anche studi legali e assicurativi. Proprio nell’appartamento di un professionista - che ha lì anche il suo studio - i ladri sono entrati calandosi dal tetto e dopo aver forzato una finestra. E, senza rovistare in nessuna stanza della casa, sono andati dritti nello studio. Dove hanno scassinato una cassaforte a pavimento. Dentro c’era una collezione di orologi antichi del valore di circa 400mila euro, più 13mila in contanti. A raccontare il fatto alla polizia, dopo aver scoperto il furto ieri mattina al suo rientro intorno alle 9.30, è stato lo stesso proprietario dell'appartamento, Lucio B. Che ha trovato anche la porta principale scardinata, perché i malviventi se ne sono andati da lì. Secondo il padrone di casa i ladri, sapevano chiaramente dove si trovava la cassaforte e c’era dentro una collezione di orologi.
È stato scoperto ieri mattina, e sempre dal padrone di casa ma solo poco prima di mezzogiorno, un altro furto messo a segno la notte precedente. Zona diversa, meno centrale stavolta, ma decisamente signorile: via Mario Pagano. Gioielli per 20mila euro e una Beretta 9x21 regolarmente denunciata è il bottino dei ladri, entrati calandosi dal tetto e dopo aver forzato una finestra al primo piano dello stabile.
In questo caso i topi hanno messo completamente a soqquadro tutte le stanze dell’appartamento di un altro professionista - Stefano P., 42 anni; quindi hanno poi forzato la cassaforte a muro con la fiamma ossidrica e lì hanno trovato la pistola, regolarmente denunciata. Fatto il colpo se ne sono andati senza lasciare, almeno apparentemente, traccia.