«Solo» 4 feriti, derby sotto controllo

Sarà soddisfatto il prefetto Achille Serra: alla fine la macchina della sicurezza ha funzionato e il derby si è chiuso con un bollettino tutto sommato accettabile. Quattro feriti lievi e molti sequestri fuori dallo stadio, comprese balestre e mazze ferrate che separano però ancora la realtà del calcio italiano dal resto dell’Europa calcistica civile. Una stracittadina finita, come si temeva alla vigilia, in un pareggio che ha fatto tutti contenti. Prima la rete di Francesco Totti nel primo tempo che punisce una Lazio troppo rinunciataria. In mezzo poche azioni degne di nota e molti, troppi falli e lanci lunghi. Poi, al dodicesimo minuto della ripresa il pareggio di Tommaso Rocchi che è riuscito di testa ad anticipare i difensori giallorossi. Ma forse la dedica mimata da Totti per la moglie Ilary, prossima al parto del loro primogenito, e che ha seguito dalla tribuna lo show è destinata a rimanere nell’immaginario collettivo delle due tifoserie più che la partita in sè. Da registrare, nel secondo tempo, un brutto episodio: una monetina lanciata dagli spalti ha colpito in faccia l’arbitro Paparesta.