Solo l'auto ci porta ovunque in coppia o con gli amici

La prenotazione, soprattutto quella fatta con larghissimo anticipo per accedere alle tariffe low cost più basse che ci lega inesorabilmente a una data lontana nel tempo, è diventata la protagonista delle nostre vacanze, annullando il piacere dell'evasione nel tempo libero, quella che non pianifichiamo e che soltanto l'automobile ci consente in massima libertà, a patto, ovviamente, di non infilarsi negli interminabili serpentoni che si snodano verso il mare a date prestabilite.
Ci sono auto che nascono con questo tipo di vocazione, come le familiari - oggi in gran parte soppiantate da Suv e crossover, con e senza trazione integrale - sdoganate negli Anni '50, da Volvo, dall'immagine di vettura da lavoro, fino a divenire assolutamente glamour alla metà degli Anni '70 quando anche Gianni Agnelli si fece realizzare una speciale Fiat 130 «estate» con inserti in legno nelle fiancate e la mitica grande cesta di vimini sul tetto. Le dimensioni di un'auto non sono comunque decisive per farne il mezzo ideale per le gite fuori porta, le vacanze mordi e fuggi, le fughe verso il mare con la tavola da surf o sulla neve con gli sci, o i semplici picnic, ed è la Mini a ricordarcelo in questi giorni con alcuni intriganti soluzioni per il tempo libero. Come Clubvan Camper, il camper di lusso più piccolo del mondo, una versatile casetta su ruote che cela una spaziosa cuccetta per una persona più un piccolo angolo cucina.
Modellare il tempo libero ora per ora, giorno per giorno, senza vincoli, è più facile con Mini Countryman All4 Camp attrezzato per risolvere il problema del pernottamento anche nei luoghi meno ospitali con un'esclusiva tenda da montare sul tetto dell'auto. Anche la roulotte, grazie a Mini, diventa cool con la roulotte Cowley (cuccetta biposto, fornello e serbatoio dell'acqua con pompa e lavello) a forma di «lacrima» da agganciare a uno dei tanti modelli in cui la compatta britannica è offerta.
Partire senza programmare non richiede quasi mai molti bagagli, soprattutto d'estate, e le cabriolet si propongono quindi come partner ideali per la nostra vacanza. Non più spartane, ben isolate dall'acqua e dalla polvere a capote chiusa, facili da aprire in pochi secondi con comandi elettrici e dotate di un tetto in lamiera oppure nel più classico tessuto, sono perfette per vivere più intensamente i colori e i profumi di una vacanza. Quella delle cabrio è una nicchia nella quale i costruttori continuano, per fortuna, a investire: ne sono una testimonianza la Fiat 500 a tetto aperto, ormai un classico, e la più recente Ds3 Cabrio, con capote in tessuto, che sta contribuendo all'impetuoso successo del brand di lusso di Citroën.
Per weekend lunghi, con gli amici e tanto spazio per i bagagli, c'è la cabriolet Opel Cascada, lunga 4,70 metri, superaccessoriata, che vanta il miglior value for money della categoria. Fa parte della famiglia Opel anche il crossover Mokka, raccomandato agli appassionati delle due ruote perché monta l'intelligente portabiciclette integrato FlexFix previsto anche per la piccola Adam, un sistema che permette di variare la vacanza in ogni momento: si parcheggia l'auto fuori dalle mura e, via, in bici, a esplorare i centri storici. Il panorama, poi, è un elemento sempre fondamentale del viaggio, e la visibilità dall'interno dell'auto richiede grandi superfici vetrate oppure, per una visione assolutamente unica, durante la sosta, il sistema di apertura delle portiere, senza montante, dell'originale Ford B-Max.