Solo in quattro con il saldo attivo

Le 2 italiane sono Mediolanum e Agora

Sarà pur vero che il dato di raccolta netta di settembre del sistema fondi per quanto ingente (meno 9,48 miliardi) avrebbe potuto assumere proporzioni ben più ampie visto l'andamento dei mercati finanziari. Resta tuttavia il fatto che delle sessanta società di gestione censite da Assogestioni soltanto quattro possono vantare un saldo attivo tra nuove sottoscrizioni e richieste di riscatto: Mediolanum (108 milioni), Ubs (14 milioni), State Street global advisors (9 milioni) e Agora sgr (9 milioni).
Per il resto si registrano soltanto valori di raccolta netta negativa sia per i grandi gruppi che per le società indipendenti e le case d'investimento straniere che operano in Italia. Tra i grandi gruppi la maglia nera mensile spetta a Unicredit Pioneer (meno 2 miliardi di euro), seguita da Intesa Sanpaolo (meno 1,75 miliardi), quindi dal Banco popolare (meno 584 milioni), da Mps (meno 500 milioni), Ubi banca (meno 407 milioni) e Arca (meno 343 milioni). I gestori esteri più colpiti, invece, sono stati Bnp Paribas (meno 646 milioni), JpMorgan (meno 413 milioni) e Credit Agricole (meno 412 milioni).