Soluzioni informatiche per le micro-realtà

Un sistema sviluppato da Infocamere risolve i problemi di gestione delle relazioni con i clienti. L’archiviazione digitale

Prima la creazione del Registro delle imprese, poi l’avvento e la diffusione della telematica e ora, a tre mesi dall’avvio definitivo della comunicazione unica, il debutto del nuovo portale di accesso ai servizi online delle Camere di Commercio. «Si tratta - dice Marco Bonat, segretario generale della Camera di Commercio di Sondrio - di un ulteriore passaggio decisivo che si inserisce in un percorso di successo avviato quindici anni fa. I vantaggi sono enormi perché l’opportunità di rendere effettivo il rapporto telematico amplia a dismisura la possibilità di interloquire con le aziende, i professionisti e le associazioni di categoria».
Per le piccole e piccolissime imprese che ancora non si sono avvicinate ai servizi del sistema camerale può rappresentare l’attesa chiave di volta. «Il portale www.registroimprese.it permette loro di relazionarsi su una base di fruibilità assai più estesa, ma soprattutto dà a noi l’occasione di offrire un “upgrade” alle microimprese, un sostegno per salire di livello nella crescita culturale necessaria allo sviluppo». Grazie a un rapporto che può farsi più assiduo e diretto, l’incentivo ha una maggiore dimestichezza con gli strumenti dell’informatica e della telematica. Il viatico costituito da un pacchetto di servizi informatici gratuiti, che verranno progressivamente resi disponibili sul sito, può portare, insieme alle semplificazioni legate alla comunicazione unica, un contributo sostanziale alle necessità pratiche e organizzative. «L’dea - sottolinea Bonat - è di andare oltre gli aspetti di tipo anagrafico e amministrativo, che contiamo si possano semplificare non solo nell’accesso ma anche nei contenuti, per affrontare gli elementi correlati alla gestione. La Camera di Commercio di Sondrio, in virtù di un recente accordo con Infocamere e Infocert, ha avviato la sperimentazione di nuovi servizi che il sistema camerale sta progettando». Un test condotto in una realtà dalle dimensioni contenute come il sondriese, mirato innanzitutto a indagare l’accoglienza che le imprese potranno riservare alle novità e la volontà di farle proprie. «Il nostro è un territorio che si è sempre dimostrato molto attivo. Stiamo arricchendo di contenuti i servizi che Infocamere fornirà alle imprese e valutando ogni possibile miglioramento». Due sono i filoni su cui ferve l’attività: il primo è costituito da un servizio di Crm (Customer relationship management), dedicato alle microimprese, in particolare a quelle dei settori del turismo, del piccolo commercio e dell’impiantistica. Un sistema con cui organizzare e gestire in modalità telematica la moltitudine delle relazioni che ciascuna di esse ha avviato con i propri clienti. Il cardine è una soluzione informatica sviluppata da Infocamere, che oggi viene valutata da un ristretto numero di aziende, come test pilota a livello nazionale. «La seconda iniziativa - aggiunge Bonat - riguarda l’archiviazione dei documenti e la loro conservazione digitale sostitutiva. Anche in questo caso ci proponiamo di verificare la praticabilità della soluzione informatica e di perfezionarla».