Sondaggio gela Gordon: il Labour non è in rimonta

Londra. Doccia fredda su Gordon Brown: è tutto da dimostrare che grazie alla sua nomina a primo ministro in sostituzione di Tony Blair i laburisti siano adesso in forte rimonta dopo la drammatica crisi di popolarità sofferta nell’ultimo anno. Secondo un sondaggio del quotidiano Independent, se si andasse oggi alle urne i conservatori del giovane e dinamico David Cameron porterebbero a casa il 37% dei voti mentre il Labour non andrebbe oltre il 32. Tutto l’opposto di un sondaggio del domenicale Observer, che tre giorni fa dava i laburisti al 39 e i conservatori al 36. Se si crede all’Independent, i conservatori sono cresciuti di due punti rispetto a un mese fa e al momento non c’è traccia di alcun «effetto Brown». Sulla scia della «rimonta» segnalata dall’Observer, Brown, secondo voci fonti bene informate, stava già pensando a elezioni anticipate entro l’anno. Ora, però, potrebbe cambiare idea.