Il sondaggio promuove la rimonta di Biasotti e dei moderati in Liguria

(...) ma anche di dichiarato impegno per riconquistare il vertice della Regione Liguria. E scopre le prime carte - sono quattro assi - del programma elettorale per le regionali, mentre si gode l’ultimo sondaggio realizzato da Nicola Piepoli e diffuso dal quotidiano online Affaritaliani.it. Secondo l’indagine, a livello nazionale, Pdl e Lega superano da soli il 48 per cento dei consensi, mentre Pd (28%), Udc (6,5) e Idv (6,5) restano al palo, sostanzialmente invariati nelle ultime settimane. Ma la cosa che fa più piacere, a livello ligure, al centrodestra è il fatto che sette Regioni, tra cui la Liguria, vengono date di esito incerto, mentre ancora di recente si continuava ad attribuire la Liguria alla sinistra. Comunque l’onorevole Biasotti, pur incassando con favore i risultati del sondaggio, non ci pensa nemmeno ad adagiarsi. Anzi, rilancia alla grande e rende note le prime proposte programmatiche in materia di trasporto pubblico locale, tagli alle attese per la sanità, e multe (da razionalizzare) per automobilisti e motociclisti genovesi. «Non è accettabile - sostiene il deputato-candidato governatore del Pdl - che Burlando e l’assessore Vesco, di fronte a questo caos dei treni, non contestino Trenitalia quando dice che in Liguria non ha funzionato solo il 6% dei convogli regionali. I pendolari sono abbandonati nel silenzio della Regione che paga questo servizio a Trenitalia - aggiunge Biasotti -. Credo pertanto che appena scadrà il contratto non utilizzeremo più Trenitalia perché offre un servizio inaccettabile in termini di frequenze, pulizia e vivibilità».
Secondo punto: ridurre drasticamente i tempi d’attesa per gli esami diagnostici, facendo lavorare fuori orario medici, tecnici e infermieri. «Il nostro obiettivo - dichiara l’ex presidente della Regione Liguria - è garantire a tutti i cittadini gli esami diagnostici entro 30 o al massimo 60 giorni dalla prenotazione. Attraverso un accordo con i sindacati, chiederemo al personale sanitario di lavorare fuori orario, pagandogli lo straordinario». Altro impegno qualificante: dimezzare l’importo delle multe per divieto di sosta e percorrenza di corsie preferenziali. «Serve un accordo con il sindaco - spiega l’onorevole Biasotti - per aumentare i soldi da destinare al trasporto pubblico, a garanzia che vengano diminuiti gli importi delle sanzioni. Oggi purtroppo il Comune, che ha bisogno di risorse, attacca il cittadino con questa tassa iniqua ed esagerata. Credo sia giusto non far mancare i soldi al Comune, ma a garanzia che avvenga questa diminuzione». Resta il tempo per parlare dell’ eventuale alleanza con il movimento Forza Liguria di Susy De Martini, appoggiato dall’Alleanza di Centro di Francesco Pionati: «Dovrà essere discussa con gli alleati - conclude Biasotti -. Ma queste giravolte di alcuni candidati mi lasciano un po’ perplesso perché rischiano di creare disaffezione negli elettori». Significa: se ci saranno le opportunità assolutamente sì, ma oggi sembra cosa non facile.