Sonia Gandhi ricoverata negli Stati Uniti E a New Delhi si fanno (troppe) ipotesi

Sonia Gandhi è stata ricoverata negli Stati Uniti e «le sue condizioni sono stabili», come ha riferito un portavoce, aggiungendo che la leader del partito al potere in India dovrebbe riprendersi nel giro di due o tre settimane. Sul motivo della presunta operazione chirurgica che la politica avrebbe subito, però, vige tuttora il massimo riserbo (si sa che si trova in un centro oncologico). Comprensibile: Sonia Gandhi è una delle donne più potenti del mondo e l’altroieri erano già emerse agitate indiscrezioni sul suo stato di salute a seguito della sua assenza a una seduta del Parlamento dove si sarebbe discusso di un nuovo provvedimento contro la corruzione. Intanto, per la cura degli affari di Partito, si è costituito un comitato composto dal figlio Rahul (che molti a New Dehli considerano primo ministro in pectore), dal ministro della Difesa A.K. Antony, dal consigliere politico Ahmed Patel e dal portavoce della stessa Gandhi, Janardhan Dwivedi. Ma al Parlamento indiano c’è fibrillazione. Già un anno fa un misterioso viaggio di alcune settimane fatto dalla leader dell’Indian National Congress negli Stati Uniti (nonostante un incontro con David Cameron già fissato in agenda) aveva dato il via a svariate ipotesi. Sonia Gandhi, 64 anni, è originaria di Lusiana, in provincia di Vicenza.