Sono 12mila gli italiani sopra i 65 anni colpiti da gravi malattie ematologiche

Ogni anno in Italia si contano circa 3mila nuovi casi di leucemia linfatica cronica nelle persone con più di 65 anni. Altrettanti casi si verificano per diverse altre malattie del sangue, come il mieloma multiplo o la leucemia mieloide acuta. Le prime quattro malattie del sangue più frequenti arrivano a contare circa 12mila nuovi casi ogni anno: è una vera emergenza, soprattutto perché nei pazienti anziani, spesso a causa di altre patologie concomitanti, si arriva tardi alla diagnosi.
Per questo alla Fondazione Ca' Granda Policlinico di Milano è stato creato il Centro per la diagnosi ematologica dell'anziano (DemA).Il Centro si integra con l'Unità operativa di Oncoematologia della Fondazione Ca' Granda, e di fatto costituisce un percorso privilegiato per i pazienti anziani, garantendo oltre che all'accesso la possibilità di consulenza da parte dei medici ematologi ai medici di altre specialità. I temi chiave di questa collaborazione, quindi, sono la diagnosi il più possibile tempestiva, ma anche la garanzia delle migliori cure disponibili e l'impegno nella ricerca scientifica per le malattie ematologiche dell'anziano. Responsabile del Centro DemA è Agostino Cortelezzi, direttore dell'Oncoematologia del Policlinico. Al Centro, rivolto ai pazienti dai 65 anni in su, si accede con un'impegnativa del medico di medicina generale o di un altro specialista che prescriva una visita ematologica.
Si può prenotare sia telefonicamente (chiamando lo 02-5503-4034, sia a voce sia lasciando un messaggio in segreteria telefonica) sia via email (all'indirizzo dema@policlinico.mi.it). É previsto il pagamento del ticket per i pazienti che non sono esenti. Il tempo di attesa per la visita è stimato in dieci giorni.