«Sono in gioco gli interessi di tutto il Paese»

«Non possiamo limitarci a considerare la questione di Malpensa come se fosse una sfida tra il nord e il sud del Paese. In gioco, in realtà, ci sono gli interessi di tutta l’Italia». Anche l’onorevole Ignazio La Russa, capogruppo alla Camera per Alleanza nazionale, interviene sul «caso» Malpensa.
Perché «è giusta» la protesta della Lega», ma «An parte da un presupposto diverso: quello di difendere con uguale forza sia Fiumicino che l’hub lombardo, entrambe risorse per il Paese». Quindi, «ammesso che il piano industriale di AirOne dia sufficienti garanzie, allora si deve privilegiare un progetto italiano. È vero che AirFrance è un grande gruppo, ma il rischio che corriamo è che Alitalia diventi una piccola succursale della compagnia francese». «Non solo - continua La Russa - una “guerra” nord-sud non porta da nessuna parte, ma in più si fa passare il messaggio che il governo Prodi difende gli interessi del mezzogiorno, quando invece non è così». Quindi, la proposta. «Per il 28 dicembre An intende organizzare una manifestazione simbolica in contemporanea a Fiumicino e a Malpensa».