Sono L.E.S.T.I. e indipendenti i tifosi del Genoa Club fantasma

Non appena si è creata una crepa nella tifoseria loro sono stati lesti nel raggrupparsi per rivendicare la loro indipendenza e la pari dignità con i gruppi organizzati. Lesti di nome e di fatto perché da ottobre è attivo un nuovo fantomatico Genoa Club L.E.S.T.I., acronimo di «Liberi di Essere Semplicemente Tifosi Indipendenti». Si tratta di un gruppo di amici e amiche che, come spiegano nel loro comunicato, «non è legato né sponsorizzato da alcuno, in costante contatto telematico, telefonico e personale che raccoglie le opinioni, le posizioni e le idee di quei tifosi 'non allineati' cioè non facenti parte di tifoserie organizzate di associazioni di club o di brigate». Chiaro l'intendimento di ribadire il principio in base al quale anche gli aggregati e gli associati devono rispettare le idee dei singoli «perché esiste una pari dignità tra tutte le persone che hanno un fine un comune». Di più il club di sé non vuole dire, se non precisare che non avrà né sede, né statuto, né presidente, ma sarà solo lesto a raccogliere e farsi interprete della voce dei più.
I club più organizzati invece si preparano ad un esodo di massa per l'unica trasferta internazionale dei campionati professionistici. Sono più di 25 i pullman allestiti dalla tifoseria per la partita di domenica a San Marino, con escursioni a Rimini e dintorni già sabato. L'ultimo club che si è aggiunto alla lunga lista è quello dei ragazzi di Piazza Manin. Più di 3mila partenze. Un esodo al quale non parteciperà Davide Sinigaglia. I postumi del trauma distorsivo alla caviglia non si sono ancora risolti. In infermeria resta anche Bacis che dovrà ancora attendere un mesetto prima di recuperare dall'infortunio al quadricipite. Il resto delle truppa è arruolabile o quasi anche perché Rossi e Stellini sono pronti a riaggregarsi al gruppo. Gruppo nel quale resta la soddisfazione per quanto fatto vedere mercoledì sera nella coppa Italia di serie C dai ragazzi di Torrente «rinforzati» da alcuni uomini della prima squadra. Il 2-1 con il Pisa al Ferraris, nel turno di andata dei sedicesimi di finale (ritorno il 23 novembre a Pisa), ha mostrato tutta la forza della Beretti e ora qualche giovane grifone sogna di conquistare un posto stabile in prima squadra.