«Sono il nipote di Al Capone» E chiede la prova del test del Dna

Un imprenditore immobiliare di Boston che sostiene di essere nipote di Al Capone ha avviato una azione legale per dimostrare, attraverso test del Dna, il suo legame familiare col famoso gangster. Christopher Knight, che ha fatto cambiare il suo nome in Christopher Capone, afferma di avere appreso dal padre William, morto nel 1974, del legame di sangue col gangster: il padre sarebbe stato un figlio illegittimo di Al Capone. Per dimostrare la parentela l’imprenditore ha chiesto a un tribunale di confrontare il suo Dna con quello dei discendenti riconosciuti di Al Capone. In alternativa chiede che i resti del gangster, ospitati in un cimitero di Chicago, siano riesumati.