«Sono scettica sull’iniziativa ma io voterei ’O sole mio»

Ornella Vanoni è senza dubbio una delle voci più significative della nostra musica leggera e forse l’unica che abbia continuato fino a oggi a mantenersi sempre in gioco davanti al pubblico. Ed è la più scettica davanti all’idea lanciata da Gianni Morandi: “Bisognerebbe chiedergli perché ha preso questa decisione. Io onestamente non la capisco. Perciò non riesco a dare una spiegazione concreta all’iniziativa: avrei bisogno di maggiori dettagli”.
Di sicuro, a scorrere la lista delle cinque canzoni che la cantante (che ha appena pubblicato un memorabile disco dal vivo), lei ha però le idee ben chiare su che cosa abbia fatto la musica nella storia italiana: celebrare e unire un popolo fatto di localismi ma alla fine capace di convivere. Da O sole mio fino a Trieste mia e Viva l’Italia, Ornella Vanoni traccia una ideale e cronologicamente consequenziale storia d’Italia musicale (che non ha colori politici ma solo passionali e malinconici).