Sorprende tre ladri in casa: anziano accoltellato

L’uomo, 61 anni, è stato operato nella notte. Non è in pericolo di vita. I tre rapinatori sono riusciti a fuggire con un computer e un telefonino

Gli agenti l’hanno trovato riverso in una pozza di sangue, a pochi metri dalla camera da letto. A ferirlo alcuni balordi che il sessantunenne Carlo M. avrebbe, secondo le prime ricostruzioni della polizia, sorpreso in casa. Immediati i soccorsi per il pensionato che da anni vive da solo al quinto piano di un elegante stabile al civico 4 di corsa Concordia, a due passi da piazza San Babila. L’aggressione è avvenuta poco dopo le diciannove e trenta quando Carlo M. al rientro dalla passeggiata quotidiana ha scoperto i tre nordafricani intenti a rovistare tra i mobili del suo alloggio.
Dopo un’attimo di comprensibile sorpresa, la reazione dell’uomo, seguita da una colluttazione e poi dai quattro colpi di arma di taglio al torace e all’addome: il coltello usato, sempre secondo la prima ricostruzione, sarebbe uno da cucina. I tre sono fuggiti con il bottino, un personal computer e un cellulare, facendo perdere le tracce. Ma prima di perdere i sensi, Carlo, è riuscito comunque ad avvertire la sorella, che abita poco distante: una telefonata con la richiesta di chiamare il 118 e la polizia e nel giro di pochi minuti l’intervento medico e della volante. Adesso, Carlo M. che non è riuscito a fornire alcuna indicazione utile agli investigatori, dopo un primo ricovero al Fatebenefratelli è ricoverato a Niguarda in condizioni che i medici definiscono gravi ma non è pericolo di vita. Caccia ai tre nordafricani che sarebbero entrati nello stabile pochi minuti dopo la chiusura della portineria.