Sorpresa, arrivano i cartoon firmati

nostro inviato a Rapallo

Ma chi l’ha detto che i cartoni animati sono un genere cui i grandi artisti non si vogliono dedicare? Vecchi pregiudizi, superati dallo sbarco sul mercato di una quantità enorme di richiesta unita alla qualità. Decine di canali che si contendono i bambini creando competizione e prodotti sempre più ricercati. Basta vedere i nomi prestigiosi che firmano alcune serie presentate in questi giorni a «Cartoons on the bay», la più grande rassegna del settore organizzata da Raitrade che si chiude oggi a Rapallo, per comprendere la vastità del fenomeno. Tanto per capirci: grandi registi come Enzo D’Alò e Maurizio Nichetti, sceneggiatori e autori prestigiosi come Vincenzo Cerami, scrittori di grido come Daniel Pennac, attori che prestano la voce come Gérard Depardieu e Giancarlo Giannini. Insomma nomi che non si presterebbero a operazioni di scarsa qualità. Partiamo da una serie che si inserisce in un filone che ora va per la maggiore, quello del Saranno famosi, delle scuole di talent che in Tv hanno avuto la loro consacrazione in Amici e X Factor. Bene, a fine anno arriverà su Raidue Teen Days, serie animata (26 episodi) prodotta da Cartoon One e Rai Fiction, ambientata proprio in un liceo di spettacolo, dove si studiano musica, danza, recitazione e dove i ragazzi si dividono per bande e, grazie alle alleanze, cercano di emergere sugli altri. Insomma, gli ingredienti della scuola di Maria De Filippi. Qui, però, prevale il lato buono e i ragazzi scopriranno che l’unione fa la forza. La regia è firmata da Nichetti, alla sua prima esperienza di una serie animata lunga.
«È stata una grande scommessa – ha raccontato ieri alla presentazione – realizzare un prodotto per adolescenti, vista la difficoltà di creare un linguaggio che arrivi a loro, ma pensiamo di esserci riusciti. Abbiamo lavorato molto sui problemi dei ragazzi, sul rapporto con i genitori in una chiave moderna». Ovviamente la colonna sonora è curatissima, così come lo è quella del cartone per bambini più piccoli, in età prescolare, intitolato Pipì, Pupù e la coniglietta Rosmarina, la cui sceneggiatura è curata addirittura da Vincenzo Cerami (per lui il battesimo nel genere), la regia è di Enzo D’Alo, la voce narrante di Giancarlo Giannini e la produzione sempre Rai Fiction. Si tratta di tre animaletti, un uccellino, un orsetto e una coniglietta in giro per il mondo in cerca di «mapà», che sarebbe l’unione tra mamma e papà. «Ma non è una ricerca angosciante e sofferta dei genitori, come poteva essere per esempio per Heidi – spiega D’Alò –, è un girovagare gioioso alla ricerca della propria identità, un classico viaggio di formazione». Ricercata nel disegno, oltre che nella sceneggiatura - nella sua semplicità, avvincente per i bambini tra i tre e i sei anni - andrà in onda in autunno su Raitre. Un’altra novità – attesissima dai ragazzini – è in arrivo in autunno su Raidue: Geronimo Stilton in cartoni animati. La serie, realizzata da Atlantyca, è ovviamente ripresa dalla collana di libri che ha avuto un grandissimo successo tra i teenager: 30 milioni di copie vendute in tutto il mondo. Si vedrà il topo giornalista in una versione più giovanile, senza occhiali e con una ambientazione più moderna, ma senza snaturarne il personaggio. Ancora in produzione invece - ieri se ne è avuto un assaggio - due kolossal prestigiosi: il Piccolo principe, raffinatissima produzione francese ripresa da Saint-Exupéry che porta la firma anche di Pennac e avrà tra le voci Depardieu e Carol Bouquet e i Viaggi di Marco Polo, realizzati dalla televisione pubblica cinese con la collaborazione degli animatori italiani Lastrego e Testa. Insomma, le migliori firme sanno dove impiegare le loro energie.