Sorpresa Nell’«Exercice» miseria e nobiltà della politica

«L’exercice de l’Etat» di Pierre Schoeller, in concorso al Certain Regard, è un altro dei film in cui è di scena la politica. Curiosamente, più aumenta il disprezzo dell'opinione pubblica nei suoi confronti, più registi e sceneggiatori cominciano a interessarsi alla complessità di un mondo che naturalmente non è così vuoto e così infimo come la demagogia vuole. Soprattutto quando si tratta dello Stato e del suo funzionamento, in un’epoca in cui le nazioni perdono di importanza. Raccontando di un ministro dei Trasporti che crede in quello che fa, il film è una riflessione sul fatto che alla fine lo Stato divora i suoi stessi servitori. Ben girato, ben interpretato, «L'exercice de l’Etat» scivola veloce evitando la retorica e senza mai perdere di vista l’essere umano, con le sue grandezze e le sue miserie.