Sorpresa Orlandoni tra tanti fantasmi

4 FANTASMI
Ci sarebbero gli estremi per il ritiro dello stipendio. Ma Moratti non nega il soldo a nessuno. Quattro ai fantasmi che poi sono tre e mezzo. Tre sui quali potresti scommettere anche prima della partita: Pandev, Muntari e Santon. Il mezzo fantasma è il ragazzino: ovvero Nwankwo che non può andar fiero delle sue tre presenze in Champions. Non è mai la volta buona. Invece gli altri tre sono inguardabili e irritanti. Sbagliano di tutto e di più, svanitelli da squadra del paesino. Altro che triplete. Muntari mena, Santon dorme e Pandev sbaglia. E nessuno che li mandi a quel paese.
5 ETO’O + CAMBIASSO
La vecchia guardia non tradisce. Ed anche la qualità. Il re del gol ieri ha trovato pane duro: pochi palloni, tante svirgolate altrui, difesa stretta. Ma sono bastati pochi guizzi per farci intravedere calcio diverso. Diverso, invece, il ruolo per Cambiasso, infilato dagli affanni difensivi nel ruolo che non gli appartiene. Ma sempre con un’idea in testa e la capacità di farti sentire solidità calcistica.
6 ORLANDONI
Ha rischiato di tutto e di più. Ma l’esordiente di 38 anni ha chiesto un po’ di aiuto alla fortuna e alla voglia di non sentirsi cenerentolo. Ha subito tre reti, ma ne ha salvate almeno un paio d’altre. Minima sodisfazione, ma meritata.