Sorpresa Palladino e Toni in campo nella sua Modena

Modena. Ventiduemila biglietti venduti, tra questi tremila tagliandi destinati alle scuole, entusiasmo alle stelle (specie per Luca Toni che è di queste parti, è nato a Pavullo, ridente paese «montanaro»): sono le premesse per il debutto della Nazionale qui a Modena dove stasera si conclude il girone di qualificazione ai campionati europei 2008 contro i «pescatori» delle Far Oer (posto 194 nella graduatoria Fifa), rimasti a zero punti. Nessun timore per gli ultrà, possibile la presenza di qualche striscione polemico: effettuato ieri sera un vertice in questore alla presenza del dottor Ferlizzi, dell’osservatorio.
Ampio il turn-over disposto da Donadoni (16ª partita della sua gestione di ct), con una sola eccezione: Toni (gioca nella sua città). Si rivedono Oddo e Grosso in difesa, Chiellini centrale, Cannavaro gioca per superare Zoff (113 presenze stasera): Iaquinta con Palladino a sorpresa fanno da spalla a Toni, De Rossi fa riposare Pirlo. In tribuna i più stanchi, da Panucci a Camoranesi. Vincere significa arrivare primi nel girone, davanti alla Francia, spinti alla qualificazione proprio dagli azzurri.