Sorpresa: Rieti ancora bestia nera per Roma

Niente da fare. La Lottomatica Roma versione campionato è lontana parente della squadra che incanta l’Europa e Rieti ne approfitta chiudendo il derby del Lazio con una nuova vittoria che sancisce il 2-0 stagionale per i reatini. Eppure la Lottomatica Roma, ancora senza coach Repesa influenzato, aveva chiuso in vantaggio il primo quarto. E positivo era stato anche l’inizio del secondo quarto con Roma che andava a +10 (14-24) con Roko Ukic. Ma la rimonta di Rieti non tardava ad arrivare, Tonolli e compagni soffrivano la zona degli uomini di Lardo che mettevano a segno un parziale di 11-0. La tripla di Mian a 1’38” dalla pausa lunga siglava il sorpasso dei reatini (30-28). Si andava negli spogliatoi con Rieti sul +1. Al ritorno in campo Roma tornava avanti (34-40), ma Rieti restava attaccata al punteggio e alla fine del terzo parziale Roma era avanti di una sola lunghezza. Nell’ultimo quarto il secco crollo dei capitolini, con il 22-13 per Rieti che sanciva la nona sconfitta in campionato della Lottomatica.
Dopo la sconfitta a Capo d’Orlando, dunque, un nuovo passo falso che complica ulteriormente i piani in campionato, con Guido Saibene che alla fine ha ammesso la legittimità della vittoria della Solsonica: «Rieti ha vinto con merito, a noi è mancato qualcosa a livello di ferocia difensiva». E le avversarie non si fermano, compresa quell’Avellino che tra due domeniche sarà sulla strada dei romani: «Sono troppe le occasioni che abbiamo perso in questo campionato e ora inizia a diventare difficile», dice il vice-Repesa. Prossimo impegno in Spagna, si torna in Eurolega: «Ci aspetta il Barcellona, una gara importante. Mancano quattro gare, una specie di playoff che decide se sei fuori o dentro. La gara con Malaga ci dà fiducia ma non possiamo più accettare questi alti e bassi se vogliamo essere una grande squadra».