Sorpresa Scalfarotto nel voto sul web

Ottimi risultati per il giovane manager senza partito. Sul sito di «Repubblica» Prodi in testa (61%), su quello del «Manifesto» Bertinotti prevale con il 45%

Stefano Filippi

È un gioco, il risiko delle primarie on line, e l'importante è partecipare: andare su internet, cercare il sito giusto, cliccare sul nome preferito ed ecco, prende forma il candidato virtuale. Il giochino funziona, avvince, si moltiplica. Più facile che andare alle urne uliviste domenica 16: da casa, dall'ufficio, dal palmare il voto elettronico è uno scherzo.
Da qualche giorno sbanca il sondaggio più serioso, quello di Repubblica.it, con i risultati totali suddivisi anche per regioni e dall'estero, con le avvertenze che i sondaggi non sono statistiche attendibili, che le percentuali non tengono conto dei decimali e, dunque, qualche volta la somma può risultare superiore a 100. Come ieri sera verso le 19: faceva 102. A quale candidato Repubblica ha regalato il due per cento? Gioco nel gioco.
Il primo a lanciare le primarie virtuali è stato il Manifesto. Venti giorni di clic sul sito del quotidiano comunista (www.ilmanifesto.it), chiusura sabato scorso. Stravince Fausto Bertinotti con il 45 per cento dei voti, Romano Prodi arranca con il 27 per cento mentre si affaccia la vera, grande sorpresa di questo happy hour unionista: Ivan Scalfarotto, terzo con l'8 per cento. Sul suo faccino semisconosciuto con pizzetto e orecchie a sventola i mouse hanno fatto clic 1.141 volte, più del doppio di Alfonso Pecoraro Scanio (3 per cento), il quadruplo di Antonio Di Pietro (2), il sestuplo di Clemente Mastella, leader in ribasso, superati perfino dalla no global Simona Panzino. Tredicimila voti complessivi, un test attendibile.
Prodi si rifà su brunik.altervista.org, un sito frequentato soprattutto da elettori di sinistra dove le preferenze di voto vanno per il 75 per cento all'Ulivo (di cui metà ai Ds) e per il 19 alla Casa delle libertà. Il Professore balza al 56 per cento e lascia Bertinotti al 27, che comunque rappresenta il doppio del 14 per cento che le intenzioni di voto attribuiscono a Rifondazione. Scalfarotto si consolida terzo mentre la povera Panzino, la candidata senza volto, non è nemmeno inclusa tra i votabili. Il leader dell'Ulivo scivola invece su www.johndoe.it, un sito di pasdaran antiberlusconiani che incoronano Scalfarotto al 39 per cento, seguito da Bertinotti (28) e Prodi con uno stentato 19 per cento.
Altri sondaggi on line si trovano sul forum del portale www.html.it (Prodi 32,5, Bertinotti 25,2, Scalfarotto 7,3); su www.americaoggi.info, sito del quotidiano America oggi per gli italiani emigrati negli Usa, dove spopola Di Pietro (55,2) a spese di Prodi (36,4); su www.culturalclassic.it (Prodi 37,5 e Scalfarotto 25 per cento); su www.casalgrandeperprodi.it, sito realizzato in un paese reggiano a pochi chilometri da Scandiano, casa di Prodi, dove l'ex premier dovrebbe trionfare mentre si ferma al 62 per cento.
Le soddisfazioni vere per il Professore arrivano da Repubblica: ieri sera quasi 100mila internettiani gli attribuivano il 61 per cento delle preferenze, con Bertinotti fermo al 22 e l'ottimo Scalfarotto sempre terzo. L'ultimo è Mastella. Si può votare una volta sola al giorno, ma il trucco c'è: basta cancellare i cookie dopo aver cliccato e il giochetto si può ripetere all'infinito. Buon divertimento.
stefano.filippi@ilgiornale.it