Le sorprese Leon e Carobbio

Il primo pesante colpo di mercato per il Genoa arriva dalla Reggina dopo una trattativa rimasta top secret per alcuni giorni e risolta nella notte tra lunedì e martedì. Il presidente rossoblù Enrico Preziosi ha acquistato il ventisettenne attaccante esterno honduregno Julio Cesar Leon. Il neo rossoblù si è presentato così a Pegli: «Tutta l’Italia aspetta il Genoa in serie A. E io sono felice di essere qui con la speranza di centrare questo obiettivo. Raccolgo la sfida perché è stimolante. Fisicamente non sono un granché, ma in campo penso di essere abbastanza dinamico».
Preziosi sorride e gongola di fronte al rinforzo eccellente per l’irrequieto Giampiero Gasperini che dopo le esternazioni di Pescara sarà per forza soddisfatto come spiega lo stesso Preziosi: «Leon era il giocatore che l’allenatore mi aveva messo in cima alla lista per sostituire Sculli e io l’ho accontentato spendendo quattro milioni di euro. Leon è un ottimo giocatore perché oltre a fare la seconda punta, è un elemento molto tecnico e di fantasia. Lo volevamo a tutti i costi ed è stata dura perché il presidente della Reggina Foti è uno che sa vendere bene e Mazzarri mi risulta che non l’abbia presa bene la partenza di Leon. Ora voglio rivedere entusiasmo, perché voglio, anzi vogliamo, giocarcela fino in fondo».
Ma non è tutto. Perché sempre dalla Reggina è arrivato il centrocampista Filippo Carobbio, pure lui, ventisette anni. Un elemento utile e di categoria considerato che nella scorsa stagione ha giocato nell’Albinoleffe: «Scendere in B non è assolutamente un problema perché il Genoa è una piazza che conta. È un onore per me vestire questa maglia. Sono pronto, posso giocare anche domani, ma dipende dal mister e dai tempi del tesseramento».
Ora la rosa ha trovato nuova linfa, anche se Preziosi non ha intenzione di fermarsi qui e mentre si aspettano operazioni in uscita, Zeytulaev e Biasi sono in partenza, i riflettori sono puntati sulla casella ancora vuota, quella del bomber: «L’attaccante arriva di sicuro – dice Preziosi che dopo aver portato Leon e Carobbio a Genova è rientrato subito a Milano – lo dico soprattutto ai tifosi che giustamente vorrebbero vedere il nuovo Genoa. Pavone? Personalmente ho rotto la trattativa dieci giorni fa e ora loro mi hanno richiamato. Torno a ripetere che un centravanti arriva al cento per cento anche se non voglio farmi prendere dall’ansia».
Leon dopo aver giocato nella squadra del suo paese l’Olimpia Tegucigalpa , è giunto in Italia ed ha esordito in serie A nel settembre del 2002. La punta dell’Honduras è rimasto in amaranto per tre stagioni di fila poi è passato al Catanzaro. Una parentesi nella Fiorentina, quindi Teramo, Avellino ed infine ancora Reggina a cui il centroamericano dedica un pensiero particolare: «A Reggio sono stato benissimo ed auguro alla squadra e ai tifosi di rimanere in serie A. Ma ora sono qui, pronto per giocare».
Gasperini dovrebbe lanciare Leon in campo già venerdì sera nell’anticipo col Mantova anche se rispetto a Pescara il tecnico rossoblù recupera Milanetto, Adailton e Fabiano. Anche Rossi sembra pronto al rientro dopo l’infortunio che lo ha messo ko col Bari.