Sorpresi nel sonno da gruppo di banditi

È ancora sotto choc l’architetto Enrico Vescovi, il professionista di Asiago, che assieme alla moglie Nadia Rela è stato rapinato e malmenato giovedì notte durante un assalto nella sua villa, nel centro del paese. «Ho cercato di bloccarli - racconta il professionista - ma erano in quattro e si sono aiutati a vicenda, anche con l’aiuto di sassi raccolti in giardino. L’uomo ha rimediato contusioni e botte in tutte le parti del corpo, ma peggio è andata alla moglie che ha riportato fratture. Altre contusioni guaribili in pochi giorni ha avuto invece il figlio Matteo, 30 anni, il primo a svegliarsi e a gridare. Il bottino ammonta a circa 50 mila euro. «Se non si fosse svegliato mio figlio - ha aggiunto Vescovi - avrebbero svaligiato la villa, abbiamo corso seri rischi». L’uomo non ha dubbi sulla provenienza dei malviventi: «Erano sicuramente dell’Europa dell’Est, forse della Romania. Sono riuscito a prendere il numero di targa della Jaguar parcheggiata qui vicino».