Sospeso Mazzetti Il Pd si indigna

Roma. Nel porto di mare di viale Mazzini gente che va, viene e fa discutere. Nel giorno del reintegro di Agostino Saccà, infatti, viene sospeso Loris Mazzetti, dirigente Rai ed ex braccio destro di Enzo Biagi. La coincidenza ha fatto gridare al regime e a nuovi editti bulgari Giuseppe Giulietti di «Articolo 21» e gli esponenti del Pd Cuillo e Villari. Mazzetti avrebbe ricevuto un preavviso di licenziamento per aver scritto in un articolo apparso il 4 maggio sull’Unità che - dopo le presunte venti violazioni di Saccà -, il codice etico in Rai avrebbe potuto finire «nel cesso». Nei confronti di Mazzetti era stato aperto un procedimento disciplinare per un altro articolo pubblicato sull’Unità nel 2004, in cui criticava la puntata di «Porta a porta» dedicata all’uccisione di Fabrizio Quattrocchi in Irak.