Sospeso sei anni il papà coach che picchiò la figlia

Melbourne. Pugno duro della Federazione internazionale del nuoto (Fina) nei confronti di Mykhaylo Zubkov, il tecnico ucraino sorpreso dalle telecamere a malmenare la figlia Kateryna Zubkova, 18 anni, durante i mondiali di nuoto di Melbourne. L'organo disciplinare ha riconosciuto Zubkov responsabile di violazioni gravi e pertanto ha deciso di sospendere l'allenatore dell'Ucraina da tutte le attività inerenti la Fina per i prossimi sei anni. La vicenda del tecnico ucraino era finita su tutti i giornali dopo che le telecamere di un canale tv all'interno della Rod Laver Arena lo avevano ripreso mentre litigava e prendeva a schiaffi sua figlia, atleta di punta della nazionale di nuoto ucraina.