Sosta a pagamento: aumenti sui Navigli e all’Arco della Pace

Le strisce blu si allargano anche in periferia. Scatta la revisione delle tariffe: sconti a mamme in attesa, medici e idraulici in emergenza

Il ticket d’ingresso naviga in acque sempre più tranquille. Salvo sorprese, approderà in giunta venerdì mattina col benestare di tutta la Cdl, Lega compresa. Ma già nel pomeriggio il sindaco incontrerà i vertici cittadini della maggioranza per discutere dell’estensione del gratta e sosta in tutta la città entro il 2010, e si prevede nuova burrasca su Palazzo Marino. Oggi le strisce gialle e blu sono circa 63mila, e lo studio elaborato dall’assessore alla Mobilità Edoardo Croci, già consegnato ai partiti, parla di un’estensione a 144mila posti auto regolamentati sul territorio, che porterebbero a circa 16-19mila auto in meno in circolazione. Di pari passo saranno raddoppiate le aree di sosta non tariffate, ad esempio quelle per i disabili e il carico-scarico merci. Gli stalli per cicli e motocicli passeranno addirittura da 1.189 a 13.633 in tre anni. Il sindaco vuol procedere a tappe forzate, perché il piano parta insieme al pedaggio: entro fine luglio la giunta dovrebbe approvare la delibera che ridefinisce le zone di particolare rilevanza urbanistica, atto necessario per giustificare l’estensione del gratta e sosta. Entro settembre sarà rivisto invece il sistema tariffario e poi le delibere andranno in consiglio. Intanto, l’estensione della sosta regolamentata procederà dalla periferia e poi gradualmente verso l’interno, fino a raggiungere le zone dove è già in atto. Il sistema tariffario sarebbe rimodulato sulla base di tre principi: spaziale, temporale e categorie di veicoli che usano lo spazio. Si pagherà dalle 7 alle 24 nella Cerchia dei Navigli, solo fino alle 19 fuori dal centro storico. La tariffa dovrebbe rimanere 1,5 euro all’ora in centro e 1,20 euro fuori dalla Cerchia della 90/91, ma sono allo studio tariffe serali e giornaliere per le aree più frequentate, probabile che ad incappare nel rincaro siano ad esempio i Navigli e l’Arco della Pace. Agevolazioni invece per i manutentori in pronto intervento, donne in gravidanza, medici in visita di emergenza, car sharing, residenti e dimoranti.
I proventi stimati con l’operazione - 38 milioni di euro nel 2008, 114 milioni nel 2009 - sono destinati a costruzione di nuovi parcheggi e miglioramento di quelli esistenti. Ciò che «avanza» andrà al potenziamento dei mezzi pubblici.
Del piano, conferma il vicesindaco Riccardo De Corato, «si parlerà già venerdì, la delibera potrebbe andare in giunta a fine luglio e in aula entro settembre». La richiesta di estendere le strisce gialle e blu anche in periferia, assicura De Corato, «arriva dai cittadini». L’assessore Croci precisa che le ipotesi «sono molto aperte, nessuna decisione è stata presa. L’estensione della sosta regolamentata partirà dalle principali linee di penetrazione in città, ad esempio dove queste direttrici incrociano la metropolitana. Chi arriva da fuori parcheggia l’auto per salire sul metrò mettendo in difficoltà i residenti. E vogliamo anche dissuadere la sosta “parassitaria” di chi occupa il posto auto per 7-8 ore». Croci precisa che «con l’avvio del ticket arriveremo solo a completare la corona intorno ai Bastioni».