Il sostituto Stuart Neill già si prepara a cantare in quasi tutte le repliche

Stuart Neill, il tenore che ha sostituito Filianoti, parla di una serata «sorprendente» ed è già pronto per sostituire il cantante anche alla seconda rappresentazione, domani. «A questo punto - dice - credo che farò quasi tutte le repliche». Sul suo sito ha già aggiornato gli impegni e ora figurano tutte le date dell’opera in cartellone con l’esclusione solo dell’8 e 11 gennaio (data quest’ultima in cui Neill canterà il Requiem di Verdi con la London Symphony Orchestra diretta da sir Colin Davis). Due delle date coincidono con quelle di manifestazioni di protesta e scioperi: il 10, contro i tagli al Fus, Cgil, Cisl, Uil e Fials scenderanno in piazza a Roma, mentre il 12 la Cgil ha proclamato lo sciopero generale. La camera del lavoro deciderà oggi in un’assemblea come comportarsi ma «è quasi sicuro che le recite si faranno - spiega Francesco Lattuada della Rsa della Scala».