Sottile interrogato: «Solo goliardate, niente sesso»

L’indagato replica alle accuse della procura: con le showgirl c’erano solo rapporti di amicizia

nostro inviato a Potenza

Alle 6 di mattina si incontra con il difensore Giuseppe Valentino. Quattro ore d'auto, un foglio per la scaletta degli argomenti a difesa e Salvatore Sottile, il portavoce di Gianfranco Fini accusato di concussione sessuale e concorso nella presunta corruzione ai Monopoli di Stato, si infila nell'aula 28 del tribunale di Potenza. «Risponderà a tutte le domande», assicura Valentino. E così è stato: 45 minuti di interrogatorio di garanzia. Nell'attesa una situazione insolita di omonimia con l'inviato del Tg5 Salvo Sottile che racconta anni di disguidi avendo lo stesso nome e cognome del portavoce Sottile: «Ci arriva la posta dell'altro: la sera in cui è stata data la notizia dell’arresto - racconta - , perfino mia madre ha equivocato e ha chiamato disperata mio padre dicendo: hanno arrestato nostro figlio».
Le accuse che invece hanno portato il portavoce Sottile ai domiciliari sono tre. La prima è quella di aver fatto da intermediario nella presentazione di Rocco Migliardi a Proietti per le famose slot machine. Sottile non ha difficoltà ad ammettere di conoscerli e di averli presentati: «Certo li ho presentati, ma non so cosa poi è accaduto né mi era stato detto». Del resto la catena dei contatti per arrivare ai vertici dei Monopoli pare assai lunga: Migliardi avrebbe infatti contattato Ugo Bonazza, questi Vittorio Emanuele che a sua volta avrebbe sollecitato De Luca. Quest'ultimo avrebbe sensibilizzato il commercialista Tullio Piccolini che avrebbe chiamato Sottile, a sua volta girando il contatto a Proietti e da qui ai dirigenti indagati dei Monopoli. La seconda accusa, più sfumata, riguarda i videogiochi di Gennaro Zambran e qui Sottile ha ammesso di esser stato contattato da Cucciolini ma ha respinto qualsiasi ipotesi di reato. Infine la concussione sessuale. Sottile ha negato di avere avuto rapporti intimi con Elisabetta Gregoraci, ma l'accusa l'ha smentito mostrando un verbale della show girl di qualche giorno fa che ha ammesso rapporti sessuali con Sottile: «Con Elisabetta c'è solo - ha replicato - un rapporto d'amicizia. E anche nelle telefonate certo avevo un linguaggio un po' volgare, goliardico, ma non c'è stata nessuna costrizione». Il Pm Jonh Woodcock ha anche depositato il verbale di un funzionario Rai che fa luce sul malcostume in Rai: «Favori, scambi di favori, succedono di natura - mette a verbale -. Dietro ogni ragazza che arriva c'è sempre un politico di riferimento, un produttore, un autore, ecc... ».