Sotto il Duomo da Forma a Trussardi

da Milano

Ristoranti a Milano: tanti aprono e nessuno chiude. La novità più acquolinosa in piazza della Scala dove da giovedì funziona a pieno ritmo il nuovo Trussardi alla Scala, 02.80688201, chef sempre Andrea Berton, prossimo a ristrutturare anche il caffè a piano terra. Rispetto a prima, non c’è più il bancone del bar, spazio preso dalle nuove cucine. Dominano il bianco e il rosso, soprattutto domina la volontà di partire dal cuore del ristorante, dalla cucina, e non dalle pubbliche relazioni come succede troppo spesso all’ombra della Madonnina. L’ultimo grido in tal senso è dato dal nuovo ristorante del Principe di Savoia in piazza della Repubblica, l’Acanto, ai fornelli Fabrizio Cadei. L’acanto in sé sarebbe una brutta pianta con un grappolo di piccoli fiori più o meno bianchi. Ma l’aver strappato il direttore di sala, Ezio Indiani, al vicino Bolognese, fa capire come l’obiettivo dell’hotel superlusso sia quello di sfruttare la popolarità vippaiola del posto a(c)canto e di accalappiare clienti mettendosi a valle del tutto esaurito che il Bolognese fa sempre registrare. Il contemporaneo fenomeno spagnolo dell’alta cucina nei grandi alberghi è di tutt’altra natura: là si punta sui superchef stellati, da noi sui cuochi delle stelle che non è affatto la stessa cosa. Poco distante dal Principe di Savoia ha aperto in via Vittor Pisani il Giannino, un pezzo della storia meneghina (ma in via Sciesa) da tempo finito in pezzi. I cocci sono stati rimessi assieme dal calciatore Kaladze e da un ristoratore amico. In cucina Roberto Molinari a cui è chiesto riconquistare l’antica clientela con risotti e ossobuchi. Danilo Angè, lasciati gli Orti di Leonardo, si è buttato in un’altra sfida: coniugare il mondo del design e dell’arte con quella della buona tavola. Forma, in piazza Tito Lucrezio Caro, 02.45474688, è un centro di fotografia con bar e ristorante ricavati in uno spicchio di un deposito dell’Azienda Tranviaria Milano. Nuovo manico al Gref in via Marco d’Oggiono, 02.58104107: ora crea Fabrizio Ferrari, ex Altro in via Burlamacchi. Novità anche al Cicala2 in via Andrea Maffei, 02.55182406, dove adesso abbiamo Francesco Passalacqua, già da Cracco-Peck come Paolo Gatta, il nuovo cuoco di Emilia & Carlo in via Sacchi, 02.875948. Nicla Nardi è invece l’anima verde del Nectar in via Friuli, 02.55196530, cucina vegetariana con echi di mare.