Sotto piazza Piemonte posto per 600 auto

De Corato: «La zona in superficie rimarrà pedonale. E pianteremo altri alberi»

Giovanni Buzzatti

Piazza Piemonte cambia volto. Lo farà in due tempi (e nel giro di un paio d’anni) partendo dalla costruzione di un nuovo posteggio sotterraneo da 600 posti (in gran parte riservati ai residenti) nella porzione di piazza di fronte al Teatro Nazionale. «Il cantiere si aprirà tra un mese - spiega Riccardo De Corato, vice sindaco e assessore ai Lavori pubblici-. Il nuovo parking sarà concluso nel giro di due anni».
A quel punto scatterà la «fase 2» del progetto che dovrebbe durare tra i sei e gli otto mesi. Si agirà in superficie stavolta, nell’area (oggi riservata ai pedoni) sopra il posteggio, davanti al teatro. «Sarà ridisegnata secondo criteri più moderni, mantenendo la destinazione a zona pedonale», aggiunge De Corato. Il Comune farà piantare nuovi alberi e ricreare le aiuole. Con una novità: nel cuore dell’area, giusto di fronte all’ingresso del Teatro Nazionale, troverà posto una fontana con al centro «Le tre grazie», la scultura in bronzo alta 5 metri donata al Comune da Salvatore Fiume. La vasca, di forma rettangolare, verrà costruita con lastre di porfido. Lo stesso materiale scelto per rimettere a nuovo marciapiedi e strade.
I cubetti rivestiranno alcune delle vie percorse dalle auto, le lastre (sempre di porfido del Trentino) quelle pedonali. Le zone riservate alle macchine saranno leggermente sopraelevate e delimitate dai paletti. I pedoni «conquisteranno» invece lo spazio immediatamente davanti al teatro, oggi percorso dalle macchine.
Nuovi saranno anche i pali dell’illuminazione e le panchine. «Sono stati scelti gli stessi tipi usati in via Buonarroti e nelle piazze Amendola e Giulio Cesare», spiegano in Comune. Verranno sistemati anche degli scivoli, eliminando così le barriere architettoniche.
Ma si partirà, come detto, dal parcheggio sotterraneo. A fine novembre tecnici e operai devieranno cavi elettrici, fognature e condotte del gas. Se non ci saranno imprevisti, si procederà poi allo scavo per realizzare i posti auto. Quattrocento saranno riservati ai residenti (che potranno comprarli) e su altri 200 si potrà sostare a rotazione, pagando. L’opera sarà pagata dal costruttore (una ditta privata) che la manterrà in gestione, lasciando poi al Comune la proprietà. A carico del costruttore sarà anche la sistemazione dell’area in superficie.
Le rampe di accesso al nuovo garage saranno create nelle strada che collega viale Sardegna e via Seprio (la via diventerà un senso unico in direzione della seconda). Durante i lavori, assicurano i tecnici, il traffico non verrà deviato.
Non sarà questo l’unico intervento nella zona. Il Comune sta infatti studiando una modifica del lato opposto di piazza Piemonte, quello dove oggi posteggiano i taxi.