Il sottosegretario alla Salute: "Faremo più controlli sulle cartelle cliniche"

In un'informativa del governo al Senato sulla vicenda della clinica Santa Rita di Milano il sottosegretario Fazio ha detto che "il ministero del Welfare intende aumentare in tempi brevissimi la percentuale dei
controlli minimi sulle cartelle cliniche dal 2%, previsto per legge, al 10% su base campionaria
nelle strutture convenzionate"

Roma - Il ministero del Welfare intende aumentare "in tempi brevissimi" la percentuale dei controlli minimi sulle cartelle cliniche dal 2%, previsto per legge, al 10% su base campionaria nelle strutture convenzionate. Lo ha riferito il sottosegretario Ferruccio Fazio nel corso di una informativa del governo sulla vicenda della clinica Santa Rita di Milano in aula al Senato. "Il ministero affiancherà ai controlli campionari il controllo sistematico su tutte le cartelle cliniche - ha detto Fazio - relative alla prestazioni ad alto rischio di inappropriatezza rispetto sia ai medici prescrittori che alle strutture erogatrici". Fazio ha anche annunciato la costituzione di un nuovo sistema, di concerto Stato-Regioni, che preveda un controllo delle singole prestazioni e non solo la valutazione degli standard. Fazio punta ad un sistema informatizzato, l’introduzione di un fascicolo sanitario elettronico che rappresenti l’intero percorso del paziente e, fra l’altro, metodologie di telemedicina.

Ipotesi agenzia ad hoc "Stiamo valutando - ha aggiunto Fazio - se sia il caso di istituire un’agenzia tipo joint commission, ma stiamo nello stesso tempo cercando di semplificare, di ridurre, la pletora delle 50 commissioni afferenti attualmente all’ex ministero della Salute e quindi razionalizzare il finanziamento degli organi vigilati e il rapporto degli stessi con il ministero. Quindi valuteremo serenamente se sia il caso di fare un’altra agenzia, un’agenzia ad hoc oppure usare altri strumenti".