Souad Sbai e la guerra contro lo spot

Via dalle strade di Roma lo spot di una nota marca di abbigliamento che ritrae un poliziotto brasiliano che perquisisce in maniera violenta una donna. Perché la politica deve intervenire con fermezza per fermare le campagne che fomentano la violenza e l’odio in tempi già piuttosto bui». Parola di Souad Sbai (nella foto), deputata del Pdl, che ha dichiarato guerra allo spot violento ed ha accolto con favore la decisione del sindaco della capitale, Gianni Alemanno, di rimuovere i cartelloni pubblicitari. «Quella pubblicità – sottolinea – è particolarmente offensiva per tutte le donne soprattutto alla luce dei gravi episodi di violenza verificatisi negli ultimi tempi».