S&P si prepara a rivedere le stime

L’agenzia: saranno determinanti i dati del secondo trimestre. A giugno mercato dell’auto negativo

da Milano

«Se i conti della Fiat continueranno a stabilizzarsi nel secondo trimestre, come è avvenuto nei primi tre mesi dell’anno, allora la strada per raggiungere un outlook positivo sarà più facile». La previsione, riportata da Radiocor, è di Maria Bissinger, di Standard & Poor’s. L’analista sottolinea anche come la strategia adottata dall’amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, sia stata determinante «per la sensibile riduzione dei costi e il lancio di nuovi modelli in grado di attirare la clientela». Fiat, a cui S&P ha assegnato un outlook stabile e un livello junk, renderà noti il 27 luglio i conti del secondo trimestre. La Bissinger ha anche espresso fiducia nel fatto che il Lingotto possa raggiungere l’obiettivo di un margine operativo per il 2006 pari allo 0,5%-1 per cento. Nell’ultimo report «Costruttori di auto in salita per registrare profitti nel 2006», l’analista osserva che «il successo delle case automobilistiche nel guadagnare quote di mercato dipenderà dalla loro capacità di lasciar fuori i concorrenti, il che significa un focus continuo nell’ottimizzare le strutture dei costi e le efficienze operative allo scopo di mantenere, per quanto possibile, gli scarsi margini di redditività».
Intanto, a pochi giorni dalla chiusura mensile del mercato italiano dell’auto, il Giornale ha raccolto le prime previsioni. Rispetto al giugno di un anno fa, il mese in corso dovrebbe chiudersi con il segno «meno». Le case automobilistiche si aspettano una caduta verticale, tra il 5 e il 10%, con la consapevolezza però che il risultato sarà falsato dall’effetto «bisarche». Il giugno 2005, seguito a un maggio disastroso a causa del lungo stop delle bisarche, si era infatti caratterizzato per il balzo del 18%, con 233.900 veicoli consegnati.