«Spaccata» e fuga: bottino 120mila euro

L’altra notte, 3 o 4 banditi usando un furgone come ariete sono riusciti a «ripulire» la Gioielleria Fontana di Fabio Savian, 50 anni, in Via Buozzi, angolo Via Madonna, pieno centro di Paderno Dugnano. Proprio di fronte al comando della polizia locale. Mancano dieci minuti alle due. La banda arriva con un furgone senza cassone e una potente Bmw. L’esercizio non è al piano strada, allora i malviventi, che hanno certamente studiato il piano da tempo, piazzano alcune assi di legno. Sistemati gli scivoli, l’autista ingrana la retromarcia e con lo spigolo del cassone, attacca una delle sei vetrine: cinque, sei colpi fino a quando fino a, quando va in frantumi.
Tutti gli uomini della banda entrano nell’esercizio e riempiono alcuni borsoni: orologi, gioielli, argenteria. Il bottino è ingente: supera i 120mila euro. Sono stati molto rapidi: probabilmente erano appostati in zona da tempo in modo da stabilire il momento buono per agire.
A quel punto alcuni abitanti della zona si sono affacciati alla finestra. Troppo tardi. Hanno avuto solo il tempo di vedere i ladri dileguarsi a forte velocità su una Bmw di colore scuro. Il camioncino lo hanno abbandonato sul posto. Arrivano i carabinieri che raccolgono le testimonianze, istituiscono posti di blocco, setacciano diversi comuni. Ma dei banditi non si trova traccia. Spariti.